Seguici su

Economia digitale

L’e-commerce cresce grazie alla fiducia. I 5 suggerimenti di Payplug per fidelizzare il cliente nel 2023

Con 6,51 trilioni di dollari di fatturato previsti per il 2023 a livello globale, l’e-commerce continua ad accelerare. Tra sicurezza e omnicanalità, Payplug indica i 5 elementi essenziali per fidelizzare il cliente nell’era del commercio online

Avatar

Pubblicato

il

e-commerce
E-commerce payplug

L’e-commerce non si ferma: dopo un fatturato globale di 5,7 trilioni di dollari nel 20221 (di cui l’Italia ha generato 48,1 miliardi, con il +20% rispetto al 20212), le previsioni per il 2023 sono ancora al rialzo, stimando 6,51 trilioni di dollari per l’anno in corso3. Una crescita che non accenna a fermarsi, con gli e-commerce che occupano sempre più spazio nell’ecosistema del retail B2C: il 20,8% delle vendite totali nel 20224, con proiezioni al 23% per il 2025.

In questa cornice, le possibilità per aziende e attori fintech si moltiplicano, grazie anche alle opzioni offerte dal commercio online, come social commerce, live commerce e pagamenti pay-by-link. Eppure, il tasso di abbandono carrelli5 ha sfiorato, nel 2022, il 70%, e il 79% degli utenti teme di poter essere vittima di una frode online6. Tra le principali motivazioni di abbandono, gli utenti citano la scarsa affidabilità trasmessa dalla pagina di pagamento e problemi durante la transazione, come, per esempio, tentativi di pagamento molteplici. Timori che sembrano confermati dai dati della Polizia Postale7, che registrano, per il 2022, un aumento percentuale del 3% sui casi trattati di truffe online (15.508 in totale).

Per questo motivo, Payplug, la soluzione di pagamento online e omnicanale per PMI, grandi aziende e fintech, consiglia 5 modalità per guadagnare la fiducia del cliente e rendere il proprio e-commerce sicuro e competitivo, dalla personalizzazione dell’esperienza lungo tutta la customer journey, fino alla protezione dei dati del cliente e a esperienze calibrate su ogni diverso device.

Secondo dati raccolti da Payplug, infatti, un cliente appagato della propria esperienza è portato a spendere di più, con valori medi per i carrelli su mobile superiori di 21€ a quelli effettuati da desktop. Il 39% degli utenti, invece, afferma di preferire il pagamento rateizzato del proprio acquisto, modalità che può portare a un aumento complessivo del valore del carrello del 45%. Di seguito i consigli completi di Payplug.

1 – Rendere l’esperienza fluida e device-specific

Con il 51% delle transazioni effettuate su device mobili (dati Payplug), fornire al cliente un’esperienza fluida e agevole, personalizzata su ogni diverso dispositivo, permette di fidelizzarlo maggiormente e portarlo a concludere l’acquisto con più facilità. Un’accortezza che giova anche al merchant, in quanto, secondo Payplug, il valore medio di un carrello mobile è superiore a quello “riempito” tramite desktop: 71€ contro 50€. In questo senso, sarà inoltre prezioso dotarsi di gateway di pagamento che, come Payplug, possano connettersi simultaneamente a diversi PSP (Payment Service Providers) ed, eventualmente, ritentare immediatamente un pagamento che, per mancata comunicazione con il server, non sia andato a buon fine al primo tentativo. 

2 – Permettere al cliente di scegliere la modalità di pagamento

Nel 2023, la personalizzazione dell’esperienza di acquisto di ogni cliente passerà anche per la scelta del metodo di pagamento preferito (carta di credito, wallet, etc). Secondo i dati raccolti da Payplug, il 50% degli acquirenti desidera poter pagare attraverso modalità one-click, utilizzando dunque dati di pagamento pre-memorizzati e conservati in tutta sicurezza sul sito. Il 39%, invece, preferisce effettuare un pagamento rateizzato secondo la modalità Buy Now, Pay Later che conduce a un aumento medio del 45% sul valore di partenza del carrello, traducendosi in un +10% di volume di affari annuo del merchant.

3 – Personalizzare le vendite grazie all’omnicanalità

L’approccio omnicanale al retail e-commerce, che offre al consumatore molteplici strade con cui interagire con il merchant e completare la propria esperienza di acquisto, sarà uno dei maggiori trend per gli acquisti online del 2023. Infatti, il 70% delle aziende medio-grandi lo considera una direzione obbligata per lo sviluppo strategico del proprio business8. I dati mostrano inoltre una propensione sempre maggiore del cliente alla cessione delle proprie informazioni personali nel caso in cui questo comporti un vantaggio per la sua esperienza (l’87% degli intervistati secondo una ricerca del Politecnico di Milano9), passaggio fondamentale per implementare corretti processi di vendita su più canali. Ciò si traduce in ulteriori opportunità di vendita personalizzata, e dunque in una maggiore fidelizzazione del cliente verso il merchant. Scegliere correttamente il proprio partner di gestione dei pagamenti digitali significherà quindi maggiori opportunità per la propria azienda, e maggiore soddisfazione da parte dei clienti.

4 – Pagina di pagamento chiara e sicura

Un primo aspetto riguarda la personalizzazione della pagina di pagamento, che Payplug consiglia di costruire abbinata al template del proprio e-commerce, includendo elementi che richiamino l’identità visiva del merchant. Inoltre, sarà opportuno inserire sia i loghi ufficiali dei sistemi di pagamento utilizzati, sia appositi loghi a certificare la sicurezza della pagina stessa. Infine, meglio non reindirizzare l’utente a una pagina esterna al momento dell’inserimento dati e conferma acquisto, ma integrare questo passaggio nella pagina principale attraverso una lightbox in sovrimpressione.

5 – Recensioni come passaparola

Anche nell’era della connessione online, il passaparola si rivela uno strumento prezioso per far crescere la reputazione del proprio business, fidelizzare i consumatori e ampliare il proprio parco clienti, proprio a partire dalla fiducia pregressa di altri clienti. Come rivelato da alcuni dati di Trustpilot, le recensioni condivise con altri utenti a seguito di un acquisto o un’esperienza sono ormai parte integrante del customer journey, e dunque influenzeranno positivamente – o negativamente – gli altri utenti. Ciò è vero per il 93% dei consumatori, che affermano che le loro decisioni in materia di acquisti online sono influenzate dai feedback di altri peer. L’89%, invece, afferma di consultare recensioni preesistenti prima di effettuare un acquisto, mentre il 75% si aspetta, al termine del ciclo di acquisto, di poter condividere le proprie impressioni con gli altri utenti.

“Ottimizzazione, qualità, sicurezza. Queste le parole d’ordine per l’e-commerce del futuro, sempre più votato a soddisfare ogni esigenza del cliente attraverso soluzioni agili e integrate”, sottolinea Mirella Bengio, Country Manager di Payplug. “Come Payplug, siamo orgogliosi di essere parte di questa rivoluzione nel mondo degli acquisti online e di offrire ai nostri clienti un servizio completo, integrato a ogni fase del processo di acquisto del cliente. La gestione sicura e trasparente dei dati degli utenti è la sfida del presente, e un fattore discriminante per la crescita di domani, verso un e-commerce sempre più fidelizzato”.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *