Seguici su

Tecnologia

Observability e testing, binomio per la corretta evoluzione tecnologica

Investire in una solida infrastruttura di Observability e Quality Assurance tramite testing non solo è essenziale per garantire il successo delle applicazioni, ma rappresenta anche un pilastro fondamentale per l’innovazione tecnologica e la competitività aziendale nell’era digitale in cui viviamo

Avatar

Pubblicato

il

Quality Assurance - Observability e testing, binomio per la corretta evoluzione tecnologica. Un'analisi di Kirey Group
Quality Assurance (© Depositphotos)

Nell’epoca digitale in cui le applicazioni rappresentano il motore trainante del business, la sinergia tra Observability e Quality Assurance tramite testing emerge come una necessità imprescindibile. Stefano Bertolin, Senior Manager, Observability & Quality Assurance e Marco Parrello, QA Service Manager di Kirey Group, analizzano la crescente complessità delle applicazioni e l’evolversi costante del panorama tecnologico richiedono un approccio integrato e collaborativo tra due ambiti tradizionalmente separati.

La pressione dell’economia digitale e la combinazione vincente di FSO e QA

Con un mercato globale del software in costante ascesa, stimato raggiungere oltre 328,3 miliardi di dollari entro il 2032, le imprese sono sotto pressione per modernizzare e innovare costantemente. In particolare, settori ad alta intensità digitale come l’e-commerce richiedono una minima tolleranza per il disservizio. Addirittura, anche un’ora di inattività può avere conseguenze economiche significative.

La Full Stack Observability (FSO) e la Quality Assurance (QA), attraverso  svariate tipologie di testing, si presentano come due pilastri fondamentali per garantire il corretto funzionamento delle applicazioni in un ambiente sempre più complesso. Mentre la QA si concentra sulla verifica delle funzionalità dell’applicazione, l’Observability fornisce una visione globale e in tempo reale della salute dell’infrastruttura IT e dell’esperienza utente.

Affrontare la legge di Murphy nell’innovazione

Nonostante l’importanza cruciale di Observability, QA e testing, spesso queste pratiche vengono trascurate a causa di limiti di budget o valutazioni errate sulla loro rilevanza. Tuttavia, è possibile implementare soluzioni efficaci anche con risorse limitate, seguendo tre linee guida fondamentali:

  1. Test di performance: cruciali per valutare le prestazioni del sistema e l’utilizzo delle risorse in situazioni di carico utente elevato;
  2. Test funzionali: simulano scenari di utilizzo realistici, garantendo il corretto funzionamento dell’applicazione in condizioni di produzione;
  3. Monitoraggio continuo: misurare l’availability e le performance delle applicazioni in tempo reale permette di identificare tempestivamente eventuali problemi e di ottimizzare le prestazioni.

Verso una strategia integrata

L’integrazione di Observability e Quality Assurance non solo migliora la qualità delle applicazioni, ma porta tutti gli attori aziendali a collaborare per raggiungere obiettivi comuni. Questo approccio permette di collegare le prestazioni dell’applicazione ai risultati di business, consentendo decisioni informate e strategie mirate a massimizzare le entrate e la fedeltà dei clienti nel contesto del digital business.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *