Seguici su

Cybersicurezza

Cybersecurity 2024: anticipazioni e sfide secondo HWG Sababa

Per HWG Sababa il futuro della cybersecurity richiede un approccio proattivo, collaborativo e altamente innovativo per affrontare le sfide sempre più complesse del panorama digitale

Avatar

Pubblicato

il

Alessio Aceti, CEO di HWG Sababa (© Ufficio Stampa)
Alessio Aceti, CEO di HWG Sababa (© Ufficio Stampa)

Il 2023 ha registrato un preoccupante aumento del 40% degli attacchi cyber in Italia, secondo il Rapporto Clusit 2023. La crescita costante degli attacchi evidenzia la necessità di affrontare la cybersecurity con strategie sempre più avanzate. Ma cosa ci riserverà il futuro del 2024? Scopriamo le previsioni di Alessio Aceti, CEO di HWG Sababa.

La cruciale importanza della prevenzione

Il primo semestre del 2023 ha confermato la crescente minaccia degli attacchi cyber in Italia. La prevenzione diventa quindi un tassello fondamentale, sia a livello individuale che aziendale. Secondo HWG Sababa, investire nella cybersecurity è vitale per contrastare gli attacchi che, se non contrastati, possono causare danni finanziari, interruzioni del business, danni reputazionali e persino impatti sulla salute delle persone.

Sistemi OT: un nuovo paradigma di sicurezza

Il 2024 vedrà un ruolo sempre più centrale per i sistemi OT. Nonostante l’evoluzione tecnologica, molti dispositivi OT sono obsoleti e vulnerabili, rappresentando una minaccia crescente. La protezione di tali dispositivi diventerà cruciale, con un aumento degli investimenti in cybersecurity industriale e una rivoluzione nella supply chain.

I dispositivi IoT saranno sempre più sfruttati dagli attaccanti, sia all’interno di botnet per amplificare gli attacchi, sia per rimanere persistenti nelle reti aziendali. La gestione del ciclo di vita, delle vulnerabilità e delle identità diventerà un focus nei prossimi anni.

Il recepimento della nuova Direttiva NIS 2 mira a migliorare la sicurezza informatica in Europa, coinvolgendo non solo le aziende critiche ma anche la catena di approvvigionamento. I settori critici basati su tecnologie IT e OT saranno particolarmente soggetti a un maggiore rischio di cyberattacco.

Smart cities e smart mobility

Le città intelligenti del futuro porteranno vantaggi ma anche nuovi rischi. Con un incremento degli attacchi cyber, diventa fondamentale integrare sicurezza e innovazione fin dalla fase di implementazione, specialmente nelle infrastrutture di trasporto pubblico e smart mobility.

Cloud Native e intelligenza artificiale

Il 2024 vedrà un aumento delle aziende che convertono vecchie applicazioni in nuove, basate su container e microservizi. Tuttavia, il gap di competenze nella sicurezza informatica per queste tecnologie richiederà un approccio “secure-by-design” per evitare costi elevati e garantire la compliance.

L’IA gioca un ruolo crescente nei SOC per migliorare la detection, automatizzare le attività di threath hunting e sostituire analisti di livello inferiore. Tuttavia, sia le aziende che i criminali informatici useranno l’IA per sviluppare attacchi più sofisticati.

Una collaborazione cruciale per contrastare il cybercrime

La collaborazione tra settore pubblico e privato, l’adozione di misure standardizzate e la promozione di una cultura aziendale della resilienza informatica sono fondamentali per contrastare il crescente cybercrime. Le organizzazioni giocano un ruolo chiave nel colmare il gap di competenze attraverso iniziative di formazione sulla cybersecurity e la condivisione tempestiva delle informazioni sulle minacce.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *